Scritto da & Categoria News.

cina1.1361538253La Cina è vicina, come quel famoso film di Marco Bellocchio.  Sta per prendere forma, corpo e sostanza, il progetto di co-marketing  che si rivolge al gigante asiatico, alla Cina, si tratta di una grande opportunità per l’industria turistica di tutta la riviera romagnola, non solo della provincia di Rimini. Il turismo cinese, secondo gli indicatori che riguardano il mercato, mostrano un turismo che ha ritmi di crescita a dir poco vertiginosi. Secondo l’organizzazione mondiale del turismo, saranno 100 milioni i cinesi che viaggeranno fuori dai propri confini entro il 2020. La nuova generazione di viaggiatori cinesi è più curiosa più attenta all’italian- style, rispetto alla generazione precedente, ha fame e sete nello stesso tempo d’Europa e nella fattispecie di Italia. Stiamo assistendo di già ad una nuova ondata di turisti cinesi, che sono soliti viaggiare in piccoli gruppi, ma anche individualmente, che hanno una buona capacità di spesa, una crescita vertiginosa, un grande interesse per il continente europeo. I nuovi viaggiatori cinesi stanno cercando il divertimento, lo shopping, monumenti e arte, tour legati alla storia locale. Allora è proprio al mercato cinese che è rivolto il progetto co.marketing 2013 che è stato appena approvato dalla giunta comunale di Rimini, in collaborazione con Apt servizi, agenzia del marketing turistico Riviera di Rimini, Rimini reservation e Unione prodotto di costa. La strategia messa in campo dagli attori sociali sopracitati, è quella di presentare l’offerta con ciò che la contraddistingue: ricchezza storica e culturale, il fascino indiscusso della città di Rimini e dei borghi dell’entroterra, un paradiso per gli acquisti grazie nei posti deputati come viale Ceccarini a Riccione, conosciuto a livello internazionale, enogastronomia, golf e circuito di Santa Monica, qualità nei servizi, calore umano che è tipico dell’accoglienza romagnola, strutture all’avanguardia per organizzare meeting , la vicinanza con San Marino, la più antica repubblica del mondo. Sono questi i motivi di fondo che possono invogliare un cinese a scegliere Rimini come sosta di viaggio. Si tratta di una grande opportunità per Rimini, ma per trasformare le grandi potenzialità di questo mercato in arrivi e presenze, è necessario però che il comparto turistico locale si impegni per essere sulla stessa lunghezza d’onda con la domanda turistica del mercato più grande del mondo. ” Vogliamo presentare Rimini-ha detto il sindaco di Rimini e assessore al turismo Andrea Gnassi, ai cinesi come una sorta di sintesi dell’Italian Style, e per fare tutto questo, occorre recuperare un pò di quello spirito da pionieri che negli anni a ridosso del muro di Berlino, gettò le basi per l’apertura verso i paesi dell’est e con la Russia, che sono diventati oggi per la riviera romagnola, il primo mercato estero. “. Il progetto prevede la realizzazione dei seguenti obiettivi. 1)accoglienza turistica;creazione di sito web di presentazione dell’offerta in lingua cinese, 2)accoglienza turistica: strumenti si informazione in mandarino, 3) educational tour e attività rivolte ai media cinesi, 4) Workshop rivolto agli operatori, 5) sostegno alla promo-commercializzazione.